Il consuntivo del XIV Festival 2016

13882617_10207197784489204_5080212319443300725_nLa XIV edizione del Festival Internazionale del Teatro Romano di Volterra con un investimento di circa
23mila euro complessivi
provenienti in parte da
Fondazione Cassa Risparmio di Volterra
Comune di Volterra,
Camera di commercio di Pisa
in parte da Aziende Private
Conad Volterra
Società Chimica Larderello
Knauf
Altair
I viaggi di Dhammika
Isopul
Fattoria Il Lischeto
B&B Pecora Nera
Podere Marcampo
Enoteca Del Duca
e da offerte volontarie di cittadini e non
è riuscito, in meno di 15 giorni dalla conferma delle disponibilità,
grazie anche alla collaborazione con Teatri di Pietra
a realizzare
19 appuntamenti dei quali:
4 prime nazionali assolute,
1 produzione,
2 co-produzioni,
1 Prima nazionale cinematografica in lingua italiana e in lingua inglese,
3 eventi:
1) Trimalcena Luculliana
2) Volaterrae l’alba dei gladiatori
3) Albertazzi, Volterra e la Luna
quest’ultimo è stato unito al
4^ evento cioè la tradizionale
Cerimonia di Consegna dei Premi Ombra della Sera.
Ha diversificato le sedi di rappresentazione:
nel Cinema e
nel Museo Etrusco Guarnacci.
Ha coinvolto 173 artisti
25 tecnici,
60 volontari.
Ha realizzato uno spettacolo con il Liceo Classico di Volterra
facendo formazione a circa
25 ragazzi,
Ha ospitato
3 ragazze per la formazione Scuola-Lavoro,
Ha valorizzato talenti artistici locali professionali, assenti dalle scene di Volterra da lungo tempo o che mai avevano avuto modo di esibirsi nella loro città.
Ha ospitato artisti di caratura nazionale e internazionale,
Ha ospitato opere di drammaturgia contemporanea inedita e sperimentale.
Ha ospitato 6 Compagnie amatoriali del circuito “Intesa Teatro” di Pisa e provincia
Ha avuto ospite il Direttore dell’Istituto Italiano di cultura a Mosca.
Ha realizzato un docu-film sulla storia della regina etrusca Tanaquilla.
Ha valorizzato grazie alla disponibilità di alcune Aziende i prodotti tipici locali da quelli caseari, a quelli vinicoli a quelli culinari in genere.
Il sito internet ha realizzato circa 600.000 visualizzazioni in tutto il mondo
le pagine FB relative ai singoli eventi hanno registrato una frequenza media a evento di oltre 50.000 visualizzazioni ciascuna
Pubblicità su giornale Il Tirreno e su Repubblica
Recensioni su rivista USA “L’Idea Magazine” e altre riviste Web
Grazie al Gruppo Fotografico Gian ogni serata è stata video ripresa e foto-documentata a formare un’archivio prezioso.

12513973_10205785216215880_2383371494286727351_o

ALAN RICKMAN: Volterra lo ricorda così

Written by Natalia Di Bartolo for OperaeOpera —

Alan Rickman, grande attore e regista inglese, è morto il 14 gennaio 2016 per una grave malattia contro la quale lottava da tempo. Era nato a Londra il 21 febbraio 1946.

Simone Domenico Migliorini, Direttore artistico del Festival internazionale del teatro romano, giunto quest’anno alla ventura XIV edizione ricorda l’insostituibile, carissimo amico e collega:

http://operaeopera.com/2016/01/alan-rickman-volterra-lo-ricorda-cosi/

La Redazione di OperaeOpera si unisce al cordoglio del M° Migliorini e dello Staff del Festival Internazionale del Teatro romano di Volterra, nel ricordo personale del grande artista e dell’uomo “speciale”
 

SOURCES AND PHOTOS ©Natalia Di Bartolo, ©Simone Domenico Migliorini, ©OperaeOpera

 

11226570_10204631505413831_4418042353919609996_n

Comunicato stampa: Cerimonia di consegna del Premio “Ombra della Sera”

By Ufficio Stampa Festival - 

Festival del Teatro Romano di Volterra

Agosto 2015

Spettacoli, musica, convegni – Cerimonia di consegna del Premio “Ombra della Sera” Oscar dello spettacolo

Artisti di fama internazionale nello storico sito archeologico volterrano

Il millenario vitruviano Teatro Romano di Volterra è tornato a vivere in questa edizione, popolandosi di voci, suoni, canti, bellezza, grazie agli spettacoli, agli eventi, alla musica.

La XIII edizione del Festival è stata caratterizzata da 25 eventi di qualità e rilevanza internazionale, che ha avuto il clou nella serata della consegna dei premi “Ombra della Sera”, dal nome della millenaria statuetta votiva etrusca, considerata oramai l’Oscar per lo spettacolo.

foto-ombra-sera-500x764

La serata della premiazione, lo scorso 1 Agosto, alla presenza dei rappresentanti delle istituzioni, tra cui Marco Buselli Sindaco di Volterra, Augusto Mugellini Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, e il Presidente della Proloco Franco Frediani, hanno ricevuto i premi, intitolati a storici e illustri volterrani distintisi nelle arti premiate: Fernando Arrabal, considerato uno degli autori più importanti del XX secolo, figura poliedrica e originale di drammaturgo, scrittore, poeta, pittore, regista teatrale e cinematografico, testimonianza vivente e del teatro dell’assurdo, di cui è illustre rappresentante. Nella sua vicenda artistica ha affiancato nei vari settori in cui è attivo artisti del calibro di Alejandro Jodorowsky, Andrè Breton, Roland Topor, Andy Wharol, Salvator Dalì, solo per citare alcuni nomi. Arrabal ha ricevuto il Premio Ombra della sera nella sezione “Fra cinema e teatro” dedicato a Franco Critsaldi. “Sono onorato di ricevere questo premio, nell’ambito di un Festival che si colloca idealmente a Festival come Avignone, Edimburgo, e Buenos Aires”, ha affermato il grande artista in questa occasione. Tra i premiati eccellenze del teatro come Eros Pagni, premio alla carriera intitolato al volterrano Tommaso Fedra Inghirami, Simone Cristicchi, premio Dino Lessi per lo spettacolo “Magazzino 18”, Ruben Rigillo come miglior attore emergente, e ancora: Masolino D’Amico, premio Giulio Piccinni Jarro alla critica teatrale, Roberta Escamilla Garrison, coreografa di fama internazionale, che ha ricevuto il premio Ernestina Fenzi per la danza, Maria Grazia Patella e Miro Solman per la lirica, Giuseppe Manfridi per la drammaturgia. Una menzione speciale e una dedica per il Prof Nuccio Messina, direttore della rivista “In scena”, uno dei primi giurati storici del premio “Ombra della Sera”, recentemente scomparso. A lui è stato intitolato il premio per l’organizzazione teatrale, assegnato al Maestro Aurelio Gatti, ideatore della rassegna Teatri di Pietra, che ha il merito di sostenere e valorizzare i teatri e siti archeologici italiani, attraverso le rappresentazioni teatrali.

Per la sezione premio alla Cultura, quest’anno la Commissione Italiana per l’Unesco, che ha confermato il Patrocinio alla manifestazione, ha assegnato il premio a Laura Olivetti, per le attività legate al sociale e alla diffusione della cultura, continuando la missione del padre, Adriano Olivetti:

“….ormai da quasi venti anni, Laura Olivetti risponde moltiplicando le attività della Fondazione dedicate alla promozione culturale e scientifica in aree di intervento diversificate, che vanno dall’attuazione di programmi di studio e ricerca in campo politico ed economico, a interventi territoriali di riqualificazione urbana (come ad esempio i progetti dedicati alla periferia di Corviale a Roma, o alla struttura del carcere di Bollate a Milano), dalla preservazione della memoria collettiva attraverso la catalogazione e lo studio dei ricchi archivi Olivetti, Quaroni, Friedmann e altri, alla valorizzazione del loro contenuto in chiave contemporanea, dall’intensa attività editoriale a quella filantropica, fino alla promozione internazionale del patrimonio culturale del Novecento italiano, da ultimo con la preparazione della candidatura di Ivrea: città industriale del XX secolo nella Lista del patrimonio naturale e culturale mondiale istituita dall’UNESCO. Oggi, premiamo Laura Olivetti per la sua capacità di promuovere progetti culturali dalle evidenti ricadute sulla società e sulla cittadinanza.” (Giovanni Puglisi, Presidente Commissione Italiana Unesco)

Abbiamo idee innovative e mai realizzate in Italia né all’estero – ha affermato durante la manifestazione Simone Migliorini, Direttore Artistico del Festival – e le carte in regola per creare opportunità per il territorio, sia in termini di occupazione che di indotto, e incremento turistico. L’importante è credere nel progetto, farlo crescere rendendo partecipi le istituzioni che ci affiancano con fiducia, per renderlo concreto”.

L’itinerario di accesso al teatro è stato arricchito quest’anno di un nuovo percorso: gli spettatori hanno potuto finalmente immergersi nello spettacolo silente e maestoso dei reperti archeologici e in quello festoso e nutriente, per anima e corpo, degli spettacoli.

Un ringraziamento dovuto a chi ci ha sostenuto ancora una volta in questo non sempre facile percorso – ha continuato Simone Migliorini – alla Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra, al Comune di Volterra con le autorità, ma anche con gli impiegati, i tecnici, i collaboratori che con entusiasmo si sono prestati ad affiancarci in questa avventura. Grazie anche alla Soprintendenza ai Beni Archeologici, alla Provolterra, alla Cassa di Risparmio di Volterra, e all’Architetto Giuliano Chelazzi, realizzatore del progetto per la fruizione del Teatro”.

La Commissione Italiana per l’UNESCO ha confermato il Patrocinio alla kermesse, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha inviato gli auguri per la buona riuscita della manifestazione.

https://festivalteatroromanovolterra.wordpress.com 

info@teatroromanovolterra.it

www.provolterra.it

Festival Internazionale Teatro Romano di Volterra

Il Verso, l’Afflato, il Canto